Connect with us

Cronaca

60 palazzi senz’acqua all’Appio Latino, residenti denunciano l’ACEA

Pubblicato

su

Palazzi senza acqua all’Appio Latino di Roma, centinaia di famiglie denunciano la situazione: la vicenda finisce dai Carabinieri

60 palazzi senz’acqua all’Appio Latino, denunciata l’ACEA – (Wikipedia) – ilcorrieredellacitta.com

Momenti drammatici nella zona dell’Appio Latino, dove centinaia di famiglie sono rimaste senza acqua. Una situazione che ormai va avanti da diverse settimane, con i cittadini che non sanno più quali enti contattare oltre ACEA per risolvere il loro problema. In queste ore, diversi residenti della zona hanno deciso di passare per le vie legali, arrivando addirittura a denunciare lo stesso ente alla gestione idrica e il Comune di Roma per la problematica. 

Famiglie senza acqua in casa all’Appio Latino

I residenti coinvolti non sanno la motivazione per la quale arriva pochissima acqua nelle loro case. E’ la situazione che coinvolge 60 palazzi e centinaia di nuclei familiari alle porte del Centro Storico capitolino, che ormai da mesi vedono influenzata la loro quotidianità per questo gravissimo disservizio La vicenda è stata sollevata da Giovanni Cedrone e Fabio Santonoceto, Coordinatore e Vice Coordinatore di Forza Italia per il Municipio VII. 

Proprio il Presidente del VII Municipio, Francesco Laddaga, si sta interessando di questa spinosa vicenda, che tocca una parte della cittadinanza nella zona dell’Appio Latino. I residenti toccati dal problema segnalano ormai da tempo una situazione drammatica sulla testa delle loro famiglie, considerato come l’acqua arriva a singhiozzo all’interno delle proprie abitazioni. 

L’esasperazione dei residenti nel quartiere di Roma

Per qualcuno, è diventato impossibile continuare a vivere all’Appio Latino. Più volte è stata chiesta chiarezza all’ACEA, che però sull’argomento non si è mai sbilanciata parlando del problema e una sua possibile risoluzione. Molto più nitida l’esperienza dei residenti, che da mesi vedono l’acqua andare e venire dalle loro case. In alcune settimane, l’acqua – bene essenziale per la vita e la dignità della persona – manca anche per quattro giorni consecutivi. 

La storia oggi coinvolge cittadini, toccando anche le fasce di disabili, bambini e anziani. Qualche famiglia, spazientita, ha deciso d’impugnare la vie legali: qualcuno ha denunciato ACEA e il Comune di Roma ai Carabinieri, motivando la cessazione ingiustificata del pubblico servizio. Altri si sono appellati al Difensore Civico, nella speranza che questo incubo si risolva in tempi brevi. 

Continua a leggere 60 palazzi senz’acqua all’Appio Latino, residenti denunciano l’ACEA su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Erba incolta e degrado davanti al Sert di Ostia, la residente: “Ho paura a passeggiare sul marciapiede”

Pubblicato

su

By

Viale Vasco De Gama a Ostia lasciata in balia del degrado: i residenti scrivono per riportare il decoro sotto le loro case

Area lasciata al degrado a Ostia – ilcorrieredellacitta.com

Ancora storie di degrado a Ostia, questa volta nei pressi del Sert di Via Tagaste. In una zona già critica sul piano del decoro per le condizioni in cui versano gli stabili popolari su Viale Vasco De Gama e la presenza dei tossicodipendenti, anche le condizioni degli spazi verdi vede un totale abbandono istituzionale. Piccoli spazi verdi che vedono l’erba incolta da anni, in boscaglia così alta da far nascondere i soggetti mentre fanno utilizzo di droghe nella zona. 

I nuovi episodi di degrado a Ostia Ponente, la situazione davanti al Sert

Già negli anni passati avevamo parlato dei problemi legati al quadrante delle Repubbliche Marinare, in una situazione dove i residenti combattono per il decoro ormai da decenni. Sul marciapiede che costeggia Via Tagaste e Viale Vasco De Gama, il servizio giardini non si vede da tempo immemore. Si è creata un’altra zona franca alle leggi dello Stato, con le persone che utilizzano il terreno abbandonato davanti alla scuola Acquamarina come punto per consumare le droghe. Nonostante la presenza del Sert, un altro luogo dove aver accesso all’utilizzo delle sostanze stupefacenti, dopo gli episodi di overdose avvenuti nelle aree verdi su Viale delle Repubbliche Marinare o della scuola abbandonata ex Gioventù Italiana Littoria (GIL). 

“Ho paura a uscire di casa la sera”

“Ogni sera, ho paura a ritornare a casa“. A parlarci è Nadia (nome di fantasia), giovane donna e residente proprio nella zona. Per lavoro fa ritorno a casa passando da questa strada, anche solo per scendere alla fermata dell’autobus ed entrare nel portone condominiale. “L’estate il problema è più contenuto, ma la paura rimane. L’inverno chiedo a mio padre o il mio compagno di venire a prendermi sotto casa, perché temo che qualche malintenzionato sbuchi dal cespuglio e mi faccia del male. Ho segnalato più volte la vicenda al X Municipio, in lettere inviate anche dagli altri condomini, ma la situazione non ha visto interventi”. 

Continua a leggere Erba incolta e degrado davanti al Sert di Ostia, la residente: “Ho paura a passeggiare sul marciapiede” su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Cronaca

“Ostia Comune… dei soliti papponi”. Il misterioso striscione alle porte del territorio lidense

Pubblicato

su

By

Uno striscione contro Ostia Comune appare alle porte del territorio lidense: mistero attorno alla persona che ha appeso il manifesto

Territorio del X Municipio di Roma Capitale e Ostia – (carteinregola) – ilcorrieredellacitta.com

Si torna a parlare di Ostia Comune, questa volta con una contestazione anonima verso l’iniziativa che chiede l’autonomia per il territorio lidense. Nella notte, uno striscione sarebbe apparso in una via laterale al centro di Ostia Antica, con una scritta che bocciava la svolta autonomista e comunale per il Litorale Romano. Un messaggio subito ripreso dalla politica del X Municipio, in una vicenda che ha spaccato nuovamente l’opinione pubblica tra autonomisti e volenterosi di rimanere dentro Roma. 

Lo striscione contro Ostia Comune

Uno striscione anonimo, fotografato dal reporter Gaetano Di Staso (Presidente di Ecoitaliasolidale sul Litorale Romano), probabilmente creato da qualche movimento politico del X Municipio. Chi ha creato il lavoro non si è rivendicato, come invece era avvenuto in passato con altri movimenti attivi sul territorio lidense. Una scritta però emblematica, che riporta le seguenti parole: “Ostia Comune… dei soliti Papponi”. Al momento non c’è un identikit sui responsabili, in una rivendicazione che oggi potrebbe provenire tranquillamente dalle file della Destra o la Sinistra lidense. 

La contestazione alla svolta autonomista

Mentre l’idea di Ostia e Ostia Antica come Comune prende sempre più piede per i cittadini, qualcuno pone delle resistenze. Al momento lo fa senza mettere sigle partitiche o politiche, ma in uno striscione che è la fotografia dell’ambiguità programmatica di certi gruppi politici sul territorio. Dopo la chiusura alla svolta autonomista di una buona parte del Centrosinistra lidense, l’idea di una separazione da Roma non convincerebbe anche a vari gruppi legati al Centrodestra romano e l’area di Governo. 

Resta come l’autonomia, e in questo caso Ostia Comune, sia l’unica alternativa al degrado del X Municipio. Una chiara risposta all’abbandono del Campidoglio verso il territorio lidense, in una situazione che peggiora dal commissariamento e che oggi vede nel presidente Mario Falconi e il sindaco Roberto Gualtieri i principali interpreti. Vedendo Fiumicino, ma anche Pomezia, la svolta comunale potrebbe rivelarsi la carta per rilanciare turisticamente la “Città sul mare” di Roma.

Continua a leggere “Ostia Comune… dei soliti papponi”. Il misterioso striscione alle porte del territorio lidense su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Cronaca

Anzio, sequestrata “la droga dei falò”: due arresti

Pubblicato

su

By

Anzio, i carabinieri sequestrano la droga dei “falò”. Due le persone finite in manette per spaccio: sequestrati 6,5 kg di hashish destinata al mercato del litorale sud, in particolare per le spiagge. 
 
La droga sequestrata dai Carabinieri – (ilcorrieredellacitta.com)

Con la stagione estiva ormai entrata nel vivo l’attenzione delle forze dell’ordine sul fenomeno dello spaccio, specie sul litorale e sulle spiagge, resta alta. In tal senso ad Anzio (Roma) nelle ultime ore i Carabinieri della vicina Stazione di Marina Tor San Lorenzo hanno arrestato due uomini, un 33enne e un 25enne, cittadini marocchini. Durante un servizio di controllo infatti, una pattuglia ha controllato una Fiat Panda, con a bordo i due. Insospettiti dall’atteggiamento e dai loro precedenti, i Carabinieri hanno perquisito l’auto, trovando all’interno sei chili e mezzo di hashish, suddivisi in panetti da 100 grammi. I due sono stati tradotti direttamente presso la casa circondariale di Velletri. La droga, destinata a rifornire questa zona a sud di Roma, è stata sequestrata.

Continua a leggere Anzio, sequestrata “la droga dei falò”: due arresti su Il Corriere della Città.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Continue Reading

Tendenza

Via Fanfulla da Lodi, 17, 00176 Roma (RM) Italy ➤ Copyright © 2017-2024 romanotizia.it